Archivi categoria: l’Immobile Afono

Novembrine

È il melograno che ora ti è padre Non sentono i tuoi lamenti Non vedono il tuo pianto. Onomastiche conseguenze In affollati spazi, nei parcheggi sociali. Gioirai però, te lo prometto Quando avrai per inverno un gatto E un cappotto … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Lascia un commento

Santa Barbara

Santa Barbara è una fila di case di uguale altezza, una accanto all’altra senza piani sopra, solo cielo. Una lenta sequenza di film muto su crolli di masserie feudali, ovili, stalle strati e strati, belati, storie, stemmi fissati nella trama … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Contrassegnato , | Lascia un commento

Io ho preghiere per gli Angeli farmi diventare migliore chiedo alleggerire lo scotto di essere straniera, ovunque inadatta, per colpe che nessun artificiere eradica. In macchina li prego prima di farmi trapassare da ordigni perfetti di sorridente educata ipocrisia prima … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | 1 commento

Saluti e baci

Giardini abbandonati restituiti alla città, persa l’anima che li abitava. Manda fiori pietanze poesie il Monaco, in un silenzio di pagine nicotina e alcol, mondo buono che tiene in vita. Si sbracciano i morti uccisi dai volantini, dalla paga, da … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Lascia un commento

Nel giorno che non ha padroni

Pubblicato in l'Immobile Afono | Contrassegnato , , | 1 commento

Certi sodalizi sono inalterabili il camion della spazzatura con gli uccelli apre la luce al giorno. Le rondini approvano le altezze dei campanili smettono i dubbi su questa stagione sul suo inizio. Ma avviene a fil di cielo dove nulla … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Lascia un commento

Continua, nella stretta fuoriesce insinua pupilla lingua cartilagine soffio filo soglia unghia suo sguardo inesaurito nell’attuale illuso d’averlo smaltito, murato vivo. Non il crimine compiuto trionfo della fine, zelo di apocalisse capodanno perpetuo di troni d’Europa crumiri di morte. Padroni … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | 2 commenti

Neve

Non viene, si ostina a non cadere alzo piano la tendina far durare lo spasimo o speranza come la chiamate. Ma cade la verità del luogo lo sciamare vuoto, le ciance, il clima, niente che somigli a questa disciplina. * … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Lascia un commento

Una cosa così

Era una cosa così, guarda cos’è diventata, nemmeno la si vedeva in quel vaso ora è tutta arrampicata, vedi? Sarà più di un metro. Lui pure, che zuzzurellone, che monello, ama la musica classica, sai? Solo l’organo di Bach lo … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Contrassegnato , , , | 1 commento

Fermi sorrisi che seguite riti fruscio di lunghe vesti di suore in dita orecchie sciolti in arti organi fino all’immateria. Nessuna previsione ciò che procede integro non interroga futuro. Capanna sul muro ornarsi di Misteri culla da cui nulla straripa. … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Lascia un commento