Archivi categoria: l’Immobile Afono

Eppure siamo stati epica e canto senza ozio i piedi nei basolati di agosto su una zattera d’alga per tutta la vita come Arlecchino dei Sargassi nostra dura lingua e frutti cardinali tristi e tenere genealogie commossi a guardarle come … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Lascia un commento

Astice

Una chela è più grande, afferra blocca l’altra a seghetto trancia, dilania il centro. Ore eterne, battesimi di luce canestro al dio che si era, offerta. Non ho permesso io al morso di allentare all’imprevisto ritornare a zero cieco e … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | 3 commenti

Inizio e fine non contano trapassate remote acque fanno nuova la casa del pesce non muri e gran circolo d’acqua. Muoviti, nessuna zavorra un punto cardinale sposa l’altro. Apre nessuna proprietà il cancello, un silenzio forse. Dici caciole mormore e … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | 2 commenti

Fine gloria mai

Dicono le ciliegie non sappiano che fare maturare o seccare senza farsi mangiare. Per gli altri frutti non va meglio.   Dicono ci sia coda per salire sull’Everest. Si esaurisce ossigeno in sovraffollate virali altezze.   Seguire l’andazzo di natura … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Omini del futuro

  C’è un solo omino addetto al futuro ministro del tempo che viene il meteorologo informa del domani e dopo. Sintonizzato sulla rete della previsione ognuno fa scorta di nuvole pioggia e solleone. Si affida pianifica cancella si organizza. I … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Lascia un commento

Te lo ricordi?

I punti cardinali della croce, l’inizio delle ore. Rovescio poi, parola vuota patria senza lingua un segno una voce cum pietas buche semafori notifiche smarrito canone capsula mundi vita in formalina getsemani globale, foto prego. Dio mio dio mio, vieni, accucciati … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | 6 commenti

Neve, il tuo amore resiste alla primavera così resta grande il mondo anche dal buio della galleria ingoia ogni cosa l’occhio della montagna se non lo vedi più da simbolo a significato tra ciò che vedi e l’evocato. Più bassa … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | 1 commento

Non nuoce

Danza ruotando per ore un lato poi l’altro in excelsis esploratrice senza nome si arrampica si appende senza nome le terre conquistate, pianeti gradi di luce e gioia prima del racconto sfere, spinte feroci, desiderio. Forte, ancora, forte! Con tutte … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | 2 commenti

Ai grandi, bisogna sempre spiegare tutto

  Gemma germoglio fioritura, sole luce primavera. Si dice ai bimbi nel passaggio di stagione, col freddo seccano le foglie, si staccano dal ramo, gli animali vanno in letargo, l’albero ischeletrisce. Tutto tace tutto è in pace. Persefone scompare e … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

Lunario

  Qualcuno confonde ancora nuvole e montagne, si perde in rivoli di mille città ma ne insegue solo una, battesimo senza manette. Regno di caramelle gommose e liquirizie ignaro di nostalgia e colpa, quel tempo che sapremo durerà a lungo … Continua a leggere

Pubblicato in l'Immobile Afono | Lascia un commento