Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Maglioni e stivali sbirciano dalla poltrona

40 gradi non li licenziano

confidano in un’occupazione uno spazio chiuso

oltre l’ eterna differita il limbo il ritardo.

Meglio il mare pensano cose e bipedi

registrando nessuna variazione.

Sulla spiaggia un uomo fa voto di silenzio

la moglie non smette di parlare

su sedie immobili 2 figli guardano muti il mare.

Non sono come le imposte serrate dei conventi

la fedeltà dell’ombra contro i gradi del mondo:

certi frutti maturano a 40 anni e te li ritrovi addosso.

Ma oggi è meglio raccogliere iperico salvia

3 fave noci lavanda artemisia verbena

rugiada per la notte di Giovanni

coi canti che allontanano le streghe

il sale all’uscio, i ferri nel camino.

Contate, contate, arriverà l’alba

prima che finiscano i granelli

dal muro di una vecchia villa

ciuffi di capperi e fiori bianchi

improvvisi come la tua riflessione:

è buffo il ciclo della vita, il primo giorno d’estate

è l’ultimo con la luce che più dura.

Poi ti allontani cantando, non te ne farai un cruccio

Nemmeno io che vi spio tra la cornice e il quadro

 

 

 

Annunci
Video | Questa voce è stata pubblicata in l'Immobile Afono. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...