Tu che muovendo il mondo

 

È così che pure sopravviviamo

Tu che muovendo il mondo taci

Inespressa sostanza che fai luce

Nel nulla che continui a benedire

Benedetta non detta forma

Che continui a benedire

Benedetta non detta forma

Che continui. Benedetta

E non più lodata, che continui.

Così dipani l’ombra

Il dominio del non amore

Ancora sorgere e imbrunire

Nel buio che si è fatto, intero

E tremi ancora, e tremi

Ancora scandisci stagione e ora

Rondine e letargo. Continui ancora

Nel modo che l’amore ha di darsi

Pure senza amore

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in l'Immobile Afono. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Tu che muovendo il mondo

  1. iole ha detto:

    amata – tu – che muovi poesia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...