Il segreto

 

Cadaveri, foto di Guido Macorini

Cadaveri, di Guido Macorini

 

Nolina la tua pazienza ti avvicina alla luce

è così che non sapendo cresci

*

Sembra dicano sia fatta la tua volontà

ma non lo dicono in verità né lo pensano

semplicemente fanno la sua volontà

*

Il dire per dire il dire stanco

usurate forme lucore sbattezzato

Anche gli occhi si fanno opachi

guardami è lì che ci nascondiamo

il dove per poter rinascere

è evaso dai vocabolari

un bene che la pelle custodisce

e il paesaggio tiene a mente

*

Niente avvicina la saggezza dell’analfabeta

niente che valga la pena, restate sotto i neon

lustrate pagine cravatte nomi noti

Il segreto saprà tenervi lontani

*

Uno dorme e l’altro nella stanza accanto

non fa rumore così tu salvi i fiori morti

che nessuno vuole

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in l'Immobile Afono e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il segreto

  1. iole ha detto:

    Sai dare conforto. Come un faggio o la notte o le mani di un vecchio. La tua poesia mi fa bene.

  2. leragionidellacqua ha detto:

    E tu fai bene a me, creatura chiarissima

  3. Giorgio Galli ha detto:

    Terribile e balsamica, verità e mano tesa. Ha ragione Iole: fa bene. Un miracolo intessuto nell’aria, semplice, evidente, straripante come i miracoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...