Niente di particolare

che fortuna ogni anno le rondini
il mare, quel niente di particolare:
riaccompagnarti in stazione, la ceres
cinque piani senza ascensore
il limone per lavare i piatti
il
moscerino sulla 31esima pagina
(soffio e sparisce dove non so)
all’altro
tavolo un bimbo frigna
mentre i tifosi dentro esultano: gol!

***

ma l’odore di pioggia a maggio
quella stanza senza spifferi
che è la strada grigiodenso
p
rima che sfrigoli un vento
e si aprano le porte. quelle cose
note e nuove, i turisti che fotografano
il balcone storto accanto all’Orient
coi loro cappelli la pelle di merletto
io che mi sforzo accenno tento
ma proprio non riesco
a raccontarti un sogno

***

devono essere proprio belle
le parole e le mani mute
avere gran bei segreti, forse
fiori secchi tra le pagine
riemersi all’improvviso
passatempi
di altre età
lettere biglie scontrini
protetti
in credenze verde acqua
se ti ostini a scansarmi
mentre gli occhi
dicono altro.
devono proprio essere belle
tipo pagine tradotte dall’autore
succose ciliegie di Provenza
devono essere proprio belle,
un piacere senza ricordo
forse lo stesso
del neonato
che lento e piano succhia
pur essendo addormentato

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in l'Immobile Afono. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...