Era sorprendente per i figli del morto l’invito a coprire gli specchi. Le motivazioni ormai incerte e sbavate avrebbero convinto tutti se meno scoperchiata e trasparente la voce di nonna si fosse imposta col suo garbo.
È sempre difficile dire del silenzio, delle cose scucite alla didascalia, la vita oltre la pista che il buio coccola e allarga, storie più vere di questo vero digitale e senza desiderio.
Le voci si sentono o no e le anime, con o senza riverenza, fanno quello che devono. La vita no invece, non ci perdona di essere funzionari insufficienti, svogliati.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in l'Immobile Afono. Contrassegna il permalink.

2 risposte a

  1. Antonio Devicienti ha detto:

    Ricordo bene gli specchi coperti con i lenzuoli quando sono morti i miei nonni: è un’antichissima tradizione salentina e non solo, che, credo, abbia addirittura radici nella serie dei tabù pitagorici (lo specchio “cattura e tiene prigioniera” l’anima del defunto che, invece, deve liberarsi del corpo; questo era un motivo per cui i piedi della salma venivano orientati verso la porta e, dopo alcuni giorni, veniva imbiancata la stanza affinché, tornando a visitare il luogo del proprio trapasso, l’anima non lo riconoscesse e riprendesse il suo necessario viaggio: tutte tradizioni e credenze precristiane strettamente connesse con il canto funebre salentino e griko). Sento una profonda gratitudine per questo testo che, in modo poeticissimo e pregnante, dice la miseria del nostro oggi che ha reciso le proprie radici, immiserendosi ed intristendosi oltremisura.

  2. leragionidellacqua ha detto:

    questo è il dono che mi fai, Antonio, riportando significati e Voci. abbiamo camminato e respiriamo lo stesso mondo. un oltre-mondo magico. Grazie. e sempre per la tua Attenzione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...